Georgiana Houghton la pioniera dell’arte astratta

clara zennaro Georgiana Houghton

Georgiana Houghton nacque a Las Palmas de Gran Canaria, nel 1814. In seguito si trasferì a Londra, dove frequentò alcuni corsi di pittura e disegno. Dopo la prematura morte dell’amata sorella Zilla, con la quale aveva condiviso la passione per l’arte, smise di dipingere.

clara zennaro Georgiana Houghton la pioniera dell'arte astratta
Fiore di Samuel Warrand
photo credit: awarewomenartists.com

Lo spiritismo e l’arte di Georgiana Houghton

Nel 1859, Georgiana Houghton partecipò alla sua prima seduta spiritica e, dopo l’intensa esperienza, sviluppò le sue doti di medium, guidata da uno spirito chiamato Lenny.


Juana Romani


All’epoca, nell’Inghilterra vittoriana, dilagava una vera e propria moda per il paranormale. Nei salotti dell’alta società era normale imbattersi in tea party abbinati a sedute spiritiche.
Georgiana Houghton ricominciò a dipingere proprio in queste occasioni, iniziando a concepire l’arte come metodo per tradurre graficamente le sue comunicazioni con le entità spirituali.
Personaggi famosi come Sir Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes, sostennero il suo lavoro.

clara zennaro Georgiana Houghton
L’occhio del Signore
photo credit: awarewomenartists.com

I disegni spirituali di Georgiana Houghton la pioniera dell’arte astratta

Le opere create tra il 1860 e il 1870 dall’artista sono chiamate “disegni spirituali”. Si tratta per lo più di acquarelli astratti. Le forme riprodotte dall’artista sono fluide e delineate da sfumature armoniose. Spirali ipnotiche, linee curve, punteggiature dagli accostamenti cromatici piacevoli si sovrappongono come veli trasparenti e traslucidi. La Houghton padroneggia un linguaggio visivo unico e innovativo, che talvolta cita chiaramente la simbologia cristiana.
Nel retro di ogni opera l’artista ha annotato le informazioni riguardanti gli spiriti che hanno guidato la sua mano durante l’esecuzione del lavoro, identificati come membri della sua famiglia, esseri angelici, ma anche artisti del passato.
Georgiana Houghton ha prodotto più di centocinquanta disegni, molti dei quali, però, sono andati perduti. Una parte di quelli arrivati fino ai giorni nostri sono conservati al College of Psychic Studies e al Victorian Spiritualist Union di Melbourne.

clara zennaro
L’occhio del Signore photo credit: awarewomenartists.com

Una mostra fallimentare

Nel 1871 Georgiana Houghton espose le sue opere alla New British Gallery di Bond Street. La critica dell’epoca fu sprezzante e definì i suoi disegni aberranti.
L’artista riuscì a vendere soltanto una delle molte opere esposte. Il fallimento commerciale rischiò di mandarla in bancarotta, dato che aveva investito nella mostra molte delle sue risorse finanziarie.
L’Inghilterra vittoriana non era decisamente pronta per il lavoro di Georgiana Houghton, che, con i suoi acquerelli astratti, aveva anticipato l’arte moderna di quasi mezzo secolo.

Nel 1874 Georgiana Houghton entrò nel consiglio della British National Association of Spiritualists. Pubblicò diversi libri sulle sue attività e divenne cofondatrice della London Spiritualist Alliance.
Georgiana Houghton morì nel 1884. Venne sepolta sul lato occidentale del cimitero di Highgate, a Londra.

Gli storici dell’arte hanno ignorato il suo lavoro per più di un secolo. Solo nel 2015, il Melbourne Monash University Museum of Art ha allestito una mostra itinerante con le sue opere.

clara zennaro Georgiana Houghton
photo credit: www.collegeofpsychicstudies.co.uk

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche Rosa Bonheur: la pittrice che portava i pantaloni

Clara Zennaro

2 risposte a “Georgiana Houghton la pioniera dell’arte astratta”

  1. Georgiana è una delle artiste che hanno aperto il mondo artistico dell’astrattismo e per molto tempo è rimasta nell’ombra!
    Grazie per questa storia affascinante che mette in evidenza anche la realtà Medianica. Mi interessa molto la bibliografia su Georgiana. Hai da suggerire qualche testo?
    Conosci qualche artista medium vivente?
    Complimenti.

    1. Purtroppo non ho ancora trovato testi in lingua italiana dedicati a questa interessante artista. La storica dell’arte Katy Hessel, però, ha dedicato all’arte di Georgiana Houghton e a quella Hilma af Klint il capitolo dedicato allo Spiritualismo del suo interessante saggio “La storia dell’arte senza gli uomini”.
      Grazie per il tuo interesse!

Lascia un commento